Ritorno al futuro

ritorno al futuro
Il business dell'hardware usato è in forte espansione

Il business dell'hardware e del software usato è in forte espansione e offre ai rivenditori ulteriori opportunità commerciali redditizie. Tuttavia, l'ingresso in questo segmento è valido e cade con la giusta selezione di partner professionali dal lato del fornitore.

A causa della crescente importanza sociale degli approcci ecologici, anche il tema della sostenibilità gioca un ruolo sempre più importante nell'IT. Mentre le rispettive opzioni per influenzare e scegliere, ad esempio nel caso delle offerte cloud, sono ancora molto limitate, esiste un'altra area IT in cui la sostenibilità è già molto facile da vivere oggi: l'hardware. Nel frattempo quasi tutte le tipologie di computer, dagli smartphone ai PC ai server, hanno raggiunto livelli prestazionali che solitamente rendono non più necessari i cicli di sostituzione veloce del passato. I tempi in cui passare a una nuova versione di Windows significava quasi automaticamente acquistare un nuovo computer sono ormai lontani. Software più potenti e tecnologie che aumentano l'efficienza come la virtualizzazione fanno il resto per ottenere il massimo dall'hardware.

Almeno in teoria, questo è già ben noto agli utenti. In un recente studio del TU Berlin e del Fraunhofer Institute for Reliability and Microintegration, il 67% dei tedeschi intervistati ha dichiarato di sentirsi obbligato a utilizzare dispositivi elettrici il più a lungo possibile. Perché più lunga è la vita utile, migliore è l'equilibrio ecologico. In pratica, tuttavia, le azioni spesso corrispondono a queste buone intenzioni solo in misura limitata. Sebbene la durata media di dispositivi come smartphone e PC sia in continuo aumento, troppi di essi vengono ancora ritirati e smaltiti prematuramente.

La ragione più importante di ciò è la convinzione, nota come "Newismo" e fortemente promossa dal marketing, che i nuovi dispositivi siano automaticamente significativamente migliori dei loro predecessori come risultato del progresso. Spesso questo aspetto tecnico viene addotto solo come giustificazione per un fenomeno in realtà puramente psicologico in cui ai dispositivi viene assegnato un certo carattere di status symbol. "Nella cultura materiale della nostra società, la novità ha un alto valore", spiega la professoressa Melanie Jaeger-Erben, capo del gruppo di ricerca.

Tutto nuovo?

Spesso si tratta più di ciò che è nuovo che di quali vantaggi porta realmente. Questo newismo è uno dei principali driver del fatto che oltre i due terzi degli utenti acquistano un nuovo smartphone, anche se quello vecchio di solito funziona ancora perfettamente. Anche nel caso dei PC, la cifra è ancora superiore al 50 percento e anche la tua lavatrice che funziona ancora correttamente sostituirà il 35 percento con un modello più recente.

A livello aziendale, il Newismo in combinazione con le modalità di ammortamento fiscale contribuisce al fatto che milioni di computer vengono ancora smistati ogni anno indipendentemente dalle loro prestazioni tecniche. Come confermato dagli ultimi risultati del sondaggio, è paradossalmente particolarmente importante che le giovani generazioni, presumibilmente particolarmente attente all'ambiente, siano sempre dotate dell'hardware più recente dal loro datore di lavoro. Mentre l'84% degli intervistati di età superiore ai 60 anni afferma che l'obiettivo della più lunga durata possibile del dispositivo è parte integrante del proprio insieme di valori, solo circa la metà tra i 18 ei 29 anni. Di conseguenza, le generazioni più giovani sono meno disposte a investire tempo, conoscenza e lavoro per mantenere e mantenere il valore dei loro beni elettronici.

Non fino a quando molto indietro sono i difetti come argomento per la sostituzione. I produttori sono responsabili in misura non trascurabile perché rendono inutilmente dispendioso in termini di tempo e costoso riparare i dispositivi e quindi mantenerli in vita, ad esempio incollando batterie e altri componenti. Allo stesso tempo, molti utenti ne traggono vantaggio, in quanto fornisce loro una scusa apparentemente perfetta per desiderare qualcosa di nuovo. Nel sondaggio, solo il 20% ha indicato che avrebbe persino preso in considerazione la possibilità di riparare un problema con il proprio computer che era probabilmente dovuto a un difetto. Il resto semplicemente scambia direttamente il dispositivo.

Grande ritorno

Dopotutto, c'è ancora un lato positivo. Perché ben due terzi prendono in considerazione anche le attrezzature usate quando ne acquistano una nuova. Nelle aziende in particolare, c'è una crescente consapevolezza che si possono prendere due piccioni con una fava riducendo notevolmente la propria impronta ecologica da un lato e risparmiando o addirittura guadagnando denaro dall'altro. Se ti affidi a beni usati di alta qualità per l'approvvigionamento, non devi nemmeno accettare perdite in termini di prestazioni o garanzia. Ricondizionatori professionisti come bb-net, CDS e GSD offrono hardware aziendale completamente testato e ricondizionato che è stato aggiornato e aggiornato, comprese condizioni di garanzia simili a quelle per i nuovi dispositivi.

Un progetto della compagnia di assicurazioni Hannover Concordia, che ha voluto aggiornare le attrezzature di lavoro dei suoi oltre 1.200 dipendenti per prepararsi al futuro e al passaggio a Windows 10, è un esempio di quanto possa essere utile. Per cercare un'alternativa economicamente ed ecologicamente ragionevole ai nuovi acquisti, i responsabili hanno elaborato un piano sofisticato insieme a bb-net. Tenendo conto del numero di dispositivi sostitutivi disponibili, è stato stabilito che il ricondizionatore avrebbe pulito e ricondizionato 350 laptop ogni settimana, aggiungendo nuovi componenti come SSD e più memoria, testandoli e riportandoli a Concordia.

In brevissimo tempo e senza interrompere le attività quotidiane, l'intero parco attrezzature può essere controllato, ricondizionato e portato al livello richiesto. La compagnia assicurativa, oltre a preziose risorse e CO2, ha anche risparmiato molto lavoro e circa 300.000 euro rispetto a un nuovo acquisto.

Più che economico

Non c'è quindi da meravigliarsi se il mercato dell'usato registra da anni tassi di crescita a due cifre, mentre le vendite di nuovi dispositivi sono stagnanti. Ciò offre numerose opportunità redditizie per rivenditori specializzati e system house. Come mostra l'esempio citato, ci sono molte più opzioni che offerte più economiche attraverso l'hardware usato. Lo spettro spazia dai semplici acquisti e vendite all'aggiornamento o al prestito di dispositivi e modelli di posto di lavoro come servizio a servizi come implementazioni complete, rollback, migrazioni e cancellazione dei dati a prova di audit.

Quest'ultimo in particolare sta diventando sempre più importante vista la crescente sensibilità indotta dal GDPR. Troppo spesso i supporti dati cancellati dalle aziende e dalle autorità finiscono troppo spesso nelle mani sbagliate. "È un orrore vedere cosa sta succedendo lì", riferisce l'amministratore delegato di bb-net Michael Bleicher dalla sua esperienza quotidiana nel trattare hardware che si suppone sia già stato ripulito. Il suo team trova regolarmente non solo i dati rimanenti, ma anche "scatole" di componenti rilevanti per la protezione dei dati come SIM, smart e schede di accesso nei dispositivi.

Che si tratti di un singolo servizio o di un pacchetto, i rivenditori possono posizionarsi in modo ottimale qui con i clienti e quindi più che compensare il crollo dell'attività con un nuovo hardware. Con i propri programmi per i partner, i fornitori supportano attivamente i rivenditori nell'ingresso e nella crescita in questa area di business, GSD e bb-net hanno persino lanciato i marchi propri premium Reteq e tecXL, che sono disponibili esclusivamente per i loro partner commerciali. Per facilitare l'avvio dei partner interessati, l'azienda di Bleicher offre loro anche un pacchetto di servizi gratuiti per il primo cliente e prezzi fissi per vari servizi.Le aziende possono ottenere risparmi significativi utilizzando l'IT aziendale utilizzato.

COMUNICATI STAMPA


fileAzione
ritorno-al-futuro.121556.htmlScaricare
CRN_Press Articolo2020.pdfScaricare
Scorrere fino a Top