Con hardware usato contro la crisi

M. Bleicher, CEO di bb-net
Nel corso della rapida mobilitazione del mondo del lavoro, anche le attrezzature usate erano più richieste che mai. Allo stesso tempo, espone problemi come la dipendenza dai produttori asiatici e una mancanza di consapevolezza della sostenibilità, come spiega Michael Bleicher in un'intervista a ICT CHANNEL.

CANALE ICT: Signor Bleicher, la pandemia ha notevolmente accelerato la tendenza al lavoro mobile. Quanto ha inciso sulla domanda di sistemi usati?

Michael Bleicher: A causa dei dispositivi necessari per l'home office / scuola, ci siamo trovati di fronte a un enorme aumento della domanda. Ciò significava che stavamo producendo just-in-time e avevamo scorte a malapena. Ciò ha interessato l'intero mercato dei beni nuovi e usati. L'attenzione si è concentrata chiaramente sui dispositivi mobili, l'area desktop è notevolmente diminuita.

CANALE ICT: Secondo lei, in che misura ha giocato un ruolo nella maggiore decisione di acquistare usato il fatto che i nuovi laptop andassero spesso esauriti?

Bleacher: La capacità di fornire risultati doveva essere dimostrata sul mercato. A quel tempo era di secondaria importanza per partner e clienti se il dispositivo fosse nuovo o ricondizionato. Il remarketing IT ha ricevuto un impulso positivo nell'ultimo anno. Le aziende che erano ancora scettiche sull'hardware rielaborato fino ad ora hanno esplorato nuovi territori per necessità e sono state convinte dagli argomenti imbattibili dell'IT ricondizionato. Qualità, consegna e prestazioni, prezzi interessanti: i dispositivi rinnovati professionalmente mantengono ciò che promettono. Si può quindi affermare che i partner che si sono aperti a prodotti con un ciclo di vita esteso di solito fanno affidamento sull'uso di questi dispositivi a lungo termine. La ripresa ha consentito di espandere i canali di vendita a lungo termine in un tempo molto breve, il che, tuttavia, ha reso molto evidenti l'acquisto di dispositivi usati e la conseguente mancanza di un uso responsabile dell'hardware IT in Germania.

CANALE ICT: Per cambiarlo, nel 2020 avrai tra le altre cose il »Iniziativa per un'evoluzione IT sostenibile e sicura«(INSI) fondata. Questo, e quindi anche la parte sociale sotto forma di donazioni di dispositivi, potrebbe beneficiare anche del boom della domanda?

Bleacher: L'iniziativa INSI sta dando i suoi primi frutti e alcuni progetti sono già stati realizzati. Tuttavia, il pieno potenziale dell'iniziativa non è stato ancora raggiunto. Tuttavia, le donazioni di dispositivi minori, comprese quelle provenienti dai nostri progetti, sono già state consegnate. Per il nuovo anno vorremmo spingere oltre INSI e offrire alle aziende l'opportunità di dare un contributo positivo al nostro ambiente e di supportare il settore dell'istruzione con il loro hardware dismesso.

La situazione dell'offerta rimane solida nonostante gli sprechi

CANALE ICT: La mobilitazione del mondo del lavoro aumenta anche la domanda di modelli a noleggio perché le aziende cercano di superare i blocchi con attrezzature prese in prestito?

Bleacher: Decisamente. Siamo stati anche in grado di implementare vari progetti con partner nel settore IT del noleggio e di riportare temporaneamente sul mercato l'IT rinnovato. Alcuni partner sono rimasti così colpiti dalla qualità della loro attrezzatura a noleggio che li hanno presi in consegna non appena il periodo di noleggio è scaduto. A causa della situazione attuale, la domanda di dispositivi in ​​prestito non diminuirà e continuerà a svolgere un ruolo nel nostro portafoglio.

CANALE ICT: Quanto bene potresti e puoi ancora occuparti dei tuoi partner e in che misura fattori come i blocchi e le norme igieniche giocano un ruolo?

Bleacher: Grazie a partnership a lungo termine e affidabili, siamo stati in grado di superare relativamente bene la difficile fornitura e sopportare i picchi di carico. Tuttavia, alcuni progetti sono stati interrotti per il momento a causa della carenza di nuovi prodotti e anche a causa di concetti di igiene. Molte aziende hanno ridotto al minimo l'accesso e le consegne o, nel nostro caso, il ritiro della merce nei propri locali. Di conseguenza, l'IT disattivato non può essere ritirato come concordato ed elaborato nel nostro centro tecnologico, ma è stato immagazzinato presso il cliente come riserva. I nostri locali ci consentono di continuare la nostra produzione con una distanza sufficiente, requisiti di maschera e sistemi di spostamento, ad esempio durante le pause. L'home office nell'area commerciale era standard in bb-net anche prima della pandemia, il che significa che c'erano o non ci sarebbero state limitazioni di servizio o di contatto per clienti e partner.

CANALE ICT: Cosa significano questi cambiamenti per gli acquisti e quindi per il prossimo futuro? I dispositivi mobili stanno diventando sempre più scarsi mentre i desktop sono in abbondanza?

Bleacher: La sfida più grande nel settore del remarketing IT è l'approvvigionamento delle merci. Più aziende immagazzinano l'hardware usato, più difficile sarà l'approvvigionamento. Il problema con la disponibilità di nuovo hardware si è stabilizzato in una certa misura, il che significa che più IT che è stato disattivato viene consegnato ai restauratori e l'approvvigionamento è un po 'più semplice. La tendenza verso i dispositivi mobili rispetto ai desktop è chiaramente visibile e probabilmente non si appiattirà, ma anzi aumenterà.

Fine imminente per numerosi ristrutturatori Microsoft

CANALE ICT: Secondo lei, quanto cambierà l'esperienza attuale nel mondo del lavoro al di là della situazione acuta e come può trarne vantaggio il mercato dell'usato?

Bleacher: I mondi di lavoro in tutti i settori stanno diventando più digitali che mai. All'inizio dello scorso anno, l'home office era ancora un privilegio assoluto per molti, ma sta diventando sempre più standard. I vantaggi per i dipendenti, i datori di lavoro e anche per il nostro ambiente sono grandi, ma anche associati a molta fiducia, disciplina e alcuni cambiamenti. Tuttavia, anche dopo il ritorno alla normalità, il mobile working non perderà la sua popolarità, ma ne sarà parte integrante. Con la creazione di postazioni di lavoro domestiche permanenti e aggiuntive, assumiamo una domanda continua di dispositivi mobili, motivo per cui si spera che i requisiti hardware associati getteranno una grande luce sul mercato IT rinnovato.

CANALE ICT: Oltre alla situazione eccezionale causata dal Covid-19, quest'anno si è dovuto gestire l'integrazione dei numerosi refurbisher più piccoli che Microsoft aveva interrotto. Quanto bene ha funzionato e si può presumere che la maggior parte delle persone colpite rimarrà sul mercato alle nuove condizioni

Bleacher: La maggior parte del programma Microsoft RRP approvato non poteva essere intercettato dai partner MAR esistenti. La discrepanza tra le società e l'imminente passaggio a licenze esclusivamente digitali era troppo grande. Tuttavia, siamo stati in grado di quadruplicare il nostro panorama di partner in quest'area e presumere che il 15% più ricco del programma possa ora continuare la propria attività attraverso altri partner MAR.

CANALE ICT: In Microsoft, il nuovo anno riguarda le licenze digitali. Quali sfide comporta e come puoi supportare i partner? Quali altre tendenze o argomenti ti aspetti?

Bleacher: La sfida più grande è l'integrazione del processo digitale presso i partner TPR (ndr: rivenditori di terze parti). L'implementazione e lo sforzo associato non devono essere sottovalutati. In definitiva, tuttavia, questo passaggio garantisce che le licenze digitali possano essere utilizzate in modo redditizio a lungo termine. Altre tendenze potrebbero essere che anche altri fornitori di software stanno adottando questo "spirito" e stanno offrendo sempre più prodotti digitali anziché analogici.

Più aiuto per aziende e autorità

CANALE ICT: Qual è la tua valutazione complessiva dello scorso anno e quali feedback hanno ricevuto i tuoi partner?

Bleacher: Da un punto di vista economico, il 2020 è stato costantemente positivo e più impegnativo della media. Che vediamo come positivo, perché fornisce la velocità extra necessaria per svilupparsi ulteriormente. La pandemia ha mostrato le debolezze dei mercati. La dipendenza dalla Cina e dai suoi impianti di produzione, la sensibilità delle catene di approvvigionamento e la digitalizzazione attesa da tempo in tutti i settori. La vendita al dettaglio online ha ancora una volta preso una buona fetta della torta dalla vendita al dettaglio in mattoni e malta, e i rivenditori che viaggiano solo attraverso negozi fisici hanno subito perdite considerevoli. Il pacchetto di salvataggio scadrà il prossimo anno e rivelerà tutti gli effetti della pandemia. Inoltre, i prezzi sul mercato sono surriscaldati e la disponibilità è ancora scarsa. Siamo molto scettici riguardo al 2021.

CANALE ICT: Il ritrattamento è ancora la tendenza, soprattutto perché l'IT verde sta attualmente vivendo una ripresa?

Bleacher: Ogni azienda, indipendentemente dalle dimensioni, deve affrontare la sfida di smaltire le proprie apparecchiature usate. La nostra società esercita sempre più pressioni sulle aziende affinché agiscano in modo sostenibile in tutti i settori e si oppongano alla società dello scarto. Molte aziende e istituzioni tendono ad essere aperte a trattare in modo responsabile l'IT utilizzato, ma evitano di convertire i loro processi interni e temono costi aggiuntivi.

CANALE ICT: Quali nuove idee potete utilizzare tu e i tuoi partner per aiutare le aziende e le autorità a superare questa sfida?

Bleacher: Per dare alle aziende più piccole, in particolare, la possibilità di affrontare in modo sostenibile l'IT dismesso, possono utilizzare bb-net Scatola IT verde affitto. La Green-IT Box funge da struttura di archiviazione temporanea mobile per l'hardware aziendale disattivato, indipendentemente dal periodo di tempo. Le aziende possono archiviare comodamente e centralmente l'IT usato e la raccolta e la consegna degli ordini a bb-net in qualsiasi momento. Dopo che le merci sono state trasmesse, vengono controllate nel Centro tecnologico di Schweinfurt sulla base dei numeri di serie, i dati cancellati e valutati in base ai prezzi di mercato equi e il pagamento viene avviato. Tutti i servizi sono già inclusi nel prezzo di affitto, il che significa che l'azienda non sostiene alcun costo aggiuntivo.

 

COMUNICATI STAMPA


fileAzione
ICT_05.02.2021_Con hardware usato contro la crisi (LINK)Scaricare
Scorrere fino a Top